lunedì 24 giugno 2013

Torino - Nevache (Val Claree)

Day 1
Torino - Nevache (130 Km)

Partenza da Torino ore 7:30, effettuando la solita deviazione per evitrare il traffico per uscire dalla città.



Sulla statale 25 del moncenisio prima di arivare a Susa incontro un simpatico ciclista, Marco, che mi chiede informazioni sul mio insolito carrello l'extrawheel, ci fermiamo a prendere un caffe e mi racconta dei sui viaggi in bici in Turchia e a Santiago de Compostela, rimango affascinato dai sui racconti e gli propongo di usare il blog per condividerli in modo da dare anche delle informazioni utili a chi volesse intraprendere lo stesso viaggio.

Dopo aver preso un caffè con Marco proseguo il mio viaggio verso Bardonecchia, dove scopro che il giro d'Italia ha lascciato il segno.

Sulla salita verso il Colle della Scala se non si è troppo presi dalla fatica è anche possibile ammirare uno splendido peasaggio in particolare sulla sinistra è possibile ammirare la splendida vista della Valle Stretta.
Di fronte è possibile ammirare l'alta valle di susa.
Si può notare la cittadina di Bardonecchia sullo sfondo perfettamente incastonata tra i monti.
Scendendo dal colle della scala sul lato francese arrivati al bivio girando a destra si incontra la cittadina di Nevache con la sua chiesetta.
Arrivato a Nevache ho voluto andare verso l'alta Val Claree dove non ero mai stato per poi tornare indietro verso Plampinette. Per raggiungere l'hotel. l'indicazione di Google Maps purtroppo  non era precisa, non trovando il nome dell'hotel (Auberge La Cleida) mi ha dato l'indicazione per la Cleida, la sostanza è che a in certo punto mi sono trovato su una strada sterrata in pendenza piena di sassi.
Che avventura. La pendenza arrivava intorno al 10%. Mi sono inerpicato a piedi trascinandomi la bici con carrello a mano ma a un certo punto non ce la facevo più. Avevo anche già 130 km nelle gambe. Ho incontrato un signore in MTB che mi ha aiutato, telefonando alla moglie prima e poi all'hotel hanno trovato il posto esatto. Sono ovviamente dovuto scendere di nuovo a piedi.


Hotel molto carino e caratteristico.

Auberge La Cleida
Plampinet, 05100 Névache
Web Site (booking.com)

Tenete conto che la posizione esatta è questa!!!
Un latra vista della camera da letto in perfetto stile montanaro (francese)
In hotel ho avuto la piacevole esperienza di cenare insieme a altri viaggiatori che stanno percorrendo un percorso a piedi da Modane a Nizza. Non mi era mai capitato prima se non forse in Canada per la prima colazione. Bella esperienza peccato il mio francese sia pessimo. Per fortuna uno dei tre commensali, un attore teatrale di Bruxelles parlava inglese e quindi ci capivamo quando il francese diventava per me troppo articolato.

Altimetric Profile



Day 2
Nevache - Pragelato (50 Km)

Vista di Briancon dalla salita verso il Monginevro
E ancora tracce di Giro d'Italia questa volta a Cesana.
Scorcio di Cesana dove Domenica c'era un grazioso mercatino dell'antiquariato
Vista della Val di Thures dalla salita che va verso il Col del Sestriere
Vista della Valle Argentera dalla salita che va verso il Col del Sestriere.


Altimetric Profile


Day 3
Pragelato - Torino (82 Km)

Vista del Colle delle Finestre dalla discesa verso Pinerolo

Complete Photo Album

2013-06-21 Nevache

GPS Tracking

Day 1
Torino - Plampinette  (Nevache)

Distance: 127 Km (la batteria è finita dopo 103 Km)
Total Ascent:  1755 m
Energy: 3355 kcal

Day 2
Plampinette - Pragelato
Distance: 50 Km
Total Ascent:  1319 m
Energy: 2077 kcal
Day 3
Pragelato - Torino
Distance: 80 Km
Total Descent:  1433 m
Energy: 2567 kcal

3 commenti:

  1. Allora qui non ci siamo, non è che mi lasci interdetto anche tu? Ma perchè non hai preso la mia ruota con tanto di carica batteria? Non è che devi sempre prestare tu il materiale tecnico. Comunque bel giro e complimenti con la velocità con cui monti e fai i commenti, vedrai che tra una decina di anni lo faccio anche io. ciao Max Grande giro, davvero bello
    ps. le foto con il note2?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci proprio pensato. Si, mi piacerebbe provare a vedere come va con la dinamo, devo però procurarmi un adattatore USB e penso di usarla solo in discesa :-). In realtà non pensavo che i miei potenti mezzi potessero abbandonarmi. :-)

      Elimina
  2. Siamo stati contattati da un papà di Novara, anche lui appassionato di viaggi in bicicletta, l'UGI naturalmente mi ha incaricato di sentirlo. Dai che se tutto va bene si cresce di numero. Appena mi chiama ti racconto, un abbraccio

    RispondiElimina