venerdì 26 ottobre 2018

Finalissima Giro d'Italia Hand Bike

Foto di Matilde Tusi
Nonostante sia passato qualche giorno ancora mi emoziono a presentare questo articolo di Lorenzo, ma prima di lasciare la parola a questo stupendo racconto vorrei ancora una volta ringraziare tutti i ragazzi che hanno pertecipato numerosi rinunciando ai loro giri domenicali per essere qui presenti ad accompagnare gli atleti.

 A cura di Lorenzo Spanò

Non si poteva mancare ad un evento così importante nella nostra città! E' quasi un dovere onorare questi campioni che hanno saputo combattere e affrontare in maniera positiva la loro disabilità. Il solo pensiero di partecipare e di fare il tifo per loro mi emoziona. Non potevo mancare alla chiamata di Fabrizio, Marco e Giorgio, ma questa volta organizzare per essere in tanti era veramente complicato, io mi trovo in Sardegna, Cubo si trova all'estero, Lamberto e Beppe impegnati con il lavoro, c'è bisogno di mettere insieme un bel gruppo numeroso e di colori che facciano da carovana per accompagnare questi grandi atleti.

Sono lontano, ma non mi perdo d'animo, mi appoggio agli amici sui quali so di poter contare, che conoscono la mia storia e non possono dirmi di no. Sapevo di chiedere un gran favore ai ragazzi, loro che aspettano la domenica per pedalare sugli sterrati immersi nella natura dopo una lunga settimana di lavoro. I miei ragazzi hanno risposto in massa, ed ho appena avuto la sorpresa che sarà presente anche Cubo appena rientrato dall'estero.

Oggi è bello vederli, tutti presenti! Per me era la prima volta che li vedo tutti insieme con la nostra divisa. Ho pensato di sensibilizzarli tutti, ma non c'è stato bisogno, leggo nei loro occhi tutta la soddisfazione per avere aderito e toccato con mano un nuovo mondo, hanno ammirato e supportato emotivamente questi atleti-eroi che con coraggio, caparbietà hanno trasformato quello che poteva essere un limite in un punto di forza.

Quindi Grazie! Antonio, Antonello, Davide M., Davide, Skeletor, Gianni, Tony, Gualtiero, Mimmo, Paolo, Claudio, Sam, Aristide, Mauro, Ivan e Adriano.

E Adesso Raccontiamo la Giornata. Io e Cubo alle 8:30 siamo sul posto della manifestzione in Corso Ferrucci a Torino. Pronti a seguire le direttive di Marco e Giorgio che coadiuvati dai tanti volontari della Eaton hanno davvero fatto un gran lavoro (...e intanto i ragazzi si stanno radunando per raggiungerci).

Un caffè veloce ed ecco arrivare i ragazzi, che gruppo! Che colori! Marco e Giorgio erano entusiasti, la nostra numerosa presenza ha contribuito a creare una bella e colorata carovana.  Cubo malgrado la stanchezza e cambiamento di fuso orario mi è apparso davvero felice.

Foto Aristide di Lauro
Un giro nella zona parcheggio per vedere e per scambiare due parole con gli atleti che si preparano e mettono a punto le loro fantastiche Hand Bike.

Dietro le preziose direttive di Marco si parte per provare il percorso, giriamo per circa un'ora, senza gli atleti, facendo da apripista, segnalando pericolose insidie come buche, rotaie e svolte pericolose. Abbiamo subito verificato nei giri successivi che l'organizzazione ha prontamente provveduto a mettere in sicurezza tutti i punti critici. Complimeti Ottimo lavoro!

Nei giri successivi viviamo l'emozione di pedalare e scoprire il percorso insieme agli atleti.  E' stata veramente un bella festa, c'erano tutti: gli amici del gruppo ciclistico Eaton, il gruppo ciclistico dei vigili urbani della città di Torino, i familiari e i figli di alcuni atleti e soprattutto la significativa presenza di Fabrizio Topatigh pluri-campione italiano di paraciclismo.

Cerco nel gruppo degli atleti Fabrizio Fagone, oramai un amico, uno dei tanti incontri del destino, conosciuto in bicicletta, come quasi tutti gli incontri del nostro blog. Faccio due giri con lui, o meglio uno e mezzo, perché nel secondo lui ha ingranato la marcia e ho pensato bene di lasciarlo andare e accompagnare atleti con andature più abbordabili.

Foto di Matilde Tusi
Poi ultimo giro prima della partenza a carovana completa, mentre gli atleti si allineano negli schieramenti di partenza noi completiamo l'ultimo giro, foto, applausi e sguardi carichi di stima e di curiosità da parte del pubblico presente. E si! Possiamo proprio dire che è stato un ...

"Pedalare per Ritrovarsi 
e
Realizzare Sogni"


Foto di Carlo
Nei giorni successivi all'evento tutti i ragazzi mi hanno espresso i loro emozionanti pensieri, riporto i più significativi:

 Claudio (il più giovane del gruppo)
"Che Forza! Niente è impossibile se si vuole fare"
  
Carlo
"La Forza di un padre per la propria figlia"

 Gualtiero
"Bella esperienza! Questi ragazzi sono davvero speciali - Fantastici!"

 Antonio
"Grazie per averci fatto vedere una realtà diversa e toccante. Ammirevoli!"


Ivan
"Grazie Lorenzo... Gran bella esperienza, questi ragazzi sono dei veri campioni"

Roberto
"Grazie Ciccio per la lezione di vita"
 
Mimmo
"E' stato piacevole dedicare questo tempo per LORO ... Se lo meritano veramente!"


Il Video



Il Percorso

5 commenti:

  1. Abbiamo passato una meravigliosa giornata insieme agli atleti di Handbike che con i loro mezzi hanno sfrecciato per le strade del circuito di Torino.
    Che dire dei ciclisti di Cuboviaggiatore; un grandissimo gruppo che ha volute partecipare in massa a questo evento rendendolo ancora più suggestivo.
    Grazie a tutti.
    Marco

    RispondiElimina
  2. Grazie a te Marco per l'opportunità ci hai dato

    RispondiElimina
  3. Lorenzo hai un cuore grande sei unico a trasmettere la gioia alle persone che ne hanno bisogno Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni non riesco ad associare il tuo nome, ho tanti giovanni nel cuore, aiutami a capire chi mi ha scritto questo bel messaggio. un abbraccio

      Elimina
  4. Ciao Lorenzo il bel messaggio come lai definito tu è stato scritto da Giovanni e Enza Palazzo san Gervasio Ciao

    RispondiElimina